economia

Oligarchi russi in fuga dall’Italia verso la Turchia

Pubblicità

Megayacht, ville lussuose e non solo. Tantissimi i beni congelati agli oligarchi russi in Italia e non solo, a seguito delle pesanti sanzioni inflitte dall’Occidente come ritorsione per l’invasione in Ucraina.

Per questo i grandi e ricchissimi uomini d’affari del Cremlino, con attività sparse in tutto il mondo, cercano una nuova casa per la loro ricchezza e tra i tanti paesi che potrebbero aprire le loro porte abbiamo la Turchia. E’ stato il ministro degli Esteri turco Mevlut Cavusoglu parlando all’emittente CNBC ad aver sottolineato che darebbe il benvenuto agli oligarchi russi, a patto che i loro affari rispettino il diritto internazionale.

Lo stesso presidente Recep Tayyip Erdogan ha detto che “certi gruppi di capitale” potrebbero “parcheggiare le loro strutture da noi”, in quello che è stato visto come un riferimento diretto al recente arrivo di diversi beni di proprietà russa in Turchia, compresi due yacht di lusso e un jet privato appartenente al miliardario Roman Abramovich.

“Non solo le aziende americane, ma anche molti marchi e gruppi di tutto il mondo stanno lasciando la Russia. Naturalmente, la nostra porta è aperta a coloro che vengono nel nostro paese”, ha detto il presidente.

Dichiarazioni che hanno scatenato le voci insistenti secondo cui la Turchia – un paese non UE ma membro della NATO – potrebbe incoraggiare attivamente gli investimenti dei miliardari della lista nera, mentre cerca di sostenere la sua economia in difficoltà. Ma aprire le porte agli oligarchi russi potrebbe rivelarsi un boomerang per la Turchia che sta cercando un  equilibrio tra la Russia e l’Occidente.

Perché la Turchia potrebbe essere la nuova casa degli oligarchi russi

“Attirare il denaro russo potrebbe danneggiare la Turchia a lungo termine”, ha detto Defne Arslan,  direttore senior presso il Consiglio Atlantico in Turchia ed ex economista dell’ambasciata statunitense ad Ankara. Pur criticando fortemente l’invasione non provocata di Mosca, la Turchia non ha previsto sanzioni come quelle imposte da Stati Uniti, UE, Regno Unito e altri, dicendo che si oppone per principio.

Il governo di Erdogan al contrario si è cucito addosso il ruolo di un mediatore neutrale, facilitando i colloqui di pace tra Russia e Ucraina. I negoziati a Istanbul di ieri hanno aumentato le speranze di una svolta nel conflitto dopo che Mosca ha accettato di ridurre il suo assalto militare su Kiev e Chernihiv, mentre i negoziatori ucraini hanno proposto di adottare uno status neutrale per l’Ucraina in cambio di garanzie di sicurezza.

La posizione di neutralità della Turchia è giustificata dai suoi stretti legami economici e diplomatici con la Russia, in particolare per quanto riguarda l’energia, la difesa, il commercio e il turismo. Come tale, gli alleati occidentali non hanno fatto pressione sulla Turchia per aderire alle sanzioni, né è probabile che la puniscano per non averlo fatto. Tutto ciò la rende un avamposto legittimo per i beni appartenenti ai russi sanzionati.

Inoltre un afflusso di investimenti stranieri e di beni di lusso potrebbe fornire una manna per l’assediata economia turca, che è scivolata in modalità crisi lo scorso settembre, quando tagli non ortodossi dei tassi di interesse hanno spinto l’inflazione già in aumento ancora più in alto.

La Turchia difatti non può permettersi di essere colpita da sanzioni secondarie, data la pressione che la guerra e le conseguenti sanzioni russe hanno già inflitto alla sua economia. Il mese scorso, l’inflazione è salita a un massimo di 20 anni del 54,4% tra il crollo della lira e l’impennata dei prezzi delle materie prime. In tutto questo Erdogan è ansioso di sostenere la reputazione della Turchia come mediatore indipendente nel conflitto in corso, cercando di ottenere il favore sia in patria che all’estero in vista delle elezioni del 2023.

“Erdogan vuole disperatamente arrivare alle elezioni del prossimo anno”, ha detto Timothy Ash, senior strategist sovrano dei mercati emergenti presso BlueBay Asset Management. Eppure, ci sono opportunità per la Turchia di sostenere la sua economia e beneficiare del movimento di ricchezza dalla Russia senza attirare le ire politiche ed economiche.

Questo include attrarre investimenti da alcuni dei 450 marchi occidentali che finora si sono ritirati dalla Russia, secondo Arslan dell’Atlantic Council.

“Se gioca bene le sue carte, penso che possa essere un’enorme opportunità per la Turchia, non solo rimanendo in linea con gli alleati occidentali, ma attirando investimenti da aziende straniere”, ha concluso Ash.

What's your reaction?

Leave A Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.