politica

Tunisia. La senatrice Pacifico incontra l’ambasciatore Sinaoui

Pubblicità

di Vanessa Tomassini

Nella mattinata odierna la senatrice Marinella Pacifico (Coraggio Italia, Gruppo Misto), in qualità di presidente della Sezione bilaterale di amicizia Italia-Tunisia in ambito UIP, è stata ricevuta presso l’ambasciata della Repubblica Tunisina a Roma dall’ambasciatore Moez Sinaoui. L’incontro di natura informale si è svolto in un clima di estrema cordialità. Le discussioni si sono concentrate su temi di interesse comune per i due Paesi. “Abbiamo affrontato temi di natura strategica, quali l’interconnessione di una rete elettrica con il cavo sottomarino fra Tunisia e Sicilia, alimentata da fonti rinnovabili e del ruolo dell’Italia, quale Paese privilegiato nei rapporti con la giovane Repubblica nordafricana”, ha dichiarato a margine dell’incontro la senatrice Pacifico, aggiungendo che “si è convenuto che il percorso democratico, che la Tunisia da qualche tempo ha impresso nella politica, troverà il coronamento nel referendum del prossimo 25 luglio per redigere una nuova Costituzione e nelle elezioni politiche del 17 dicembre 2022. La Tunisia, sempre più, appare essere uno dei partner più affidabili della regione e l’Italia dovrà assecondarne lo sforzo che il presidente Kais Saïed sta compiendo per modernizzare economicamente il Paese, in una cornice di profonda legalità e di lotta alla corruzione”. Pacifico ha evidenziato come “l’Unione Europea, può e deve, anche attraverso il progetto di scambio di energia, incoraggiare il Paese magrebino a perseguire la strada di apertura politica ed economica al nostro continente. La mia azione di avvicinamento e di saldatura tra i nostri popoli sarà incessante, sicura di trovare corrispondenza nell’ambasciatore Moez Sinaoui e nel governo tunisino”.
L’ambasciatore da parte sua ha inteso riconoscere l’eccellente lavoro diplomatico svolto per addivenire alla risoluzione dei container contenenti rifiuti illegali e provenienti dalla Campania e di cui in varie fasi la senatrice si è fatta carico.

Previous articleUcraina. Tecnologie anti-carro: RPG, Javelin, NLAW e Matador

What's your reaction?

Leave A Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.